Booking.com
 

 

 

 

Turismo accessibile

 

 

 

Home | Cosa vedere | Archeologia | Scheda dettagliata

Cosa vedere

print

Siracusa

Castello Eurialo

Il culmine della fortificazione della città di Siracusa eretto nel IV sec. a.C.

Il Castello Eurialo ( il cui nome Euryalos, in greco: chiodo, si riferisce probabilmente alla forma della sella  rocciosa su cui si imposta) rappresenta una delle più grandi e complete opere militari del periodo greco.

L’ imponente fortificazione  (occupa circa 15.000 mq) fu costruita nel punto più vulnerabile dell’altopiano di Epipoli, laddove esso, altrimenti protetto da ripidi scoscendimenti rocciosi, si restringe e si collega con un leggero pendio alle alture retrostanti, costituendo il più agevole luogo di accesso per chi si avvicinava alla città dall’entroterra. La fortezza fu probabilmente costruita da Dionigi, a completamento del grandioso sistema difensivo detto “Mura dionigiane”, che correva lungo tutto il ciglio dell’altopiano di Epipoli; ma subì nel tempo numerose trasformazioni ed ampliamenti, soprattutto in età ieroniana.

Un sistema di tre fossati sbarrava l’accesso: il primo è situato in prossimità dell’ingresso all’area archeologica, presso l’Antiquarium; il secondo, di forma angolare, è il più largo (circa 50 m), parzialmente ingombro dei blocchi crollati dall’opera avanzata che sorgeva nello spazio fra il secondo e il terzo fossato; infine,  il terzo fossato, anch’esso di forma angolare, è il più lungo, e rappresenta lo snodo strategico più importante del castello. Qui si trovano, lungo il lato occidentale, alcuni ambienti sotterranei, accessibili mediante scale, forse utilizzati come depositi, mentre, sul lato opposto, lungo un corridoio parallelo al fossato e scavato nella roccia, si aprono gli accessi di una serie di gallerie che collegano il fossato con vari punti della fortificazione e con un quarto fossato che protegge il lato meridionale. Un ponte levatoio, di cui restano i tre poderosi piloni di appoggio presso l’estremità meridionale del fossato, permettevano l’accesso al mastio. Questo aveva in origine un fronte di forma triangolare, come dimostrano i muri ancora visibili, che fu in seguito sostituito dal sistema di cinque torri, funzionali all’uso delle balliste.

La parte centrale della fortezza è rappresentata da due corpi adiacenti, il primo irregolarmente rettangolare e il secondo di forma trapezoidale molto allungata, al cui vertice orientale si collega il braccio meridionale delle mura dionigiane. All’interno dei due ambienti si trovavano ampie cisterne per le riserve di acqua e le caserme: come tali, ma di età bizantina, sono identificabili i vani allineati lungo il lato meridionale. Una grande torre  segna il collegamento della fortezza con il braccio delle mura dionigiane che correva lungo il margine settentrionale di Epipoli. Qui si apriva, all’interno di una rientranza che costituiva un sistema a tenaglia, una grande porta, originariamente fornita di tre accessi, successivamente ridotti a due. Essa era difesa da un sistema di muri obliqui che ne rendevano difficoltoso l’avvicinamento; successivamente, fu eretto un grande muro a  parziale sbarramento. Un forte interno a pianta trapezoidale, difeso da una torre, e collegato con una galleria al terzo fossato, si addossava  al lato meridionale della porta; qui era forse collocata una grande catapulta.

Il complesso, fornito di efficaci apprestamenti difensivi e servito da un sistema di collegamenti interni che rendevano agevoli e rapidi gli spostamenti all’interno e all’esterno della fortezza, costituisce uno splendido esempio della poliorcetica del mondo greco.

 

Annesso al Castello è presente un antiquarium che mette n mostra reperti evocativi della vita quotidiana che si svolgeva nella fortezza: dai proiettili per le catapulte a un elmo bronzeo, dal vasellame di uso comune fino ad un  rilievo che raffigura una catapulta. All’esposizione degli oggetti si affianca l’istallazione di un apparato didattico-illustrativo, con pannelli alle pareti di tipo tradizionale, e di supporti multimediali, presenti anche in più punti del monumento, che rendono il visitatore un vero e proprio protagonista della visita al Castello.

 

PER INFORMAZIONI

Tel. 0931.711773

ORARI

Dal lunedì al sabato: ore 9.00-13.00
Chiuso la domenica ad eccezione della prima domenica del mese.

La biglietteria chiude un'ora prima delle visite

 

 

Orario Estivo 2017

Lunedì 14.30  - 19.30 (ultimo ingresso ore 18.00)
da martedì a sabato 8.30 - 13.45 (ultimo ingresso ore 12.30)
chiuso la domenica

Temporaneamente chiuso al pubblico.

 

 

TARIFFE

Intero  4.00 €
Ridotto: 2,00 € (età  compresa tra i 18 e i 25 anni) e per i docenti.
Gratuito per gli under 18


I testi di questa scheda sono stati validati dalla Soprintendenza ai Beni Culturali di Siracusa

Indirizzo:
Coordinate: N 37.091607 - E 15.220082

 

Immagini relative a questa scheda

 

Chiedi maggiori informazioni su: Castello Eurialo
 

Cosa altro vedere a Siracusa
 

  
  
 

Eventi | Siracusa

Dal 15/12/2017 al 19/12/2017

Siracusa era più bella di Atene

Mostra di pittura di Salvatore Accolla

 

 
Siracusa Turismo App

Porta Siracusa sempre con te nel tuo smartphone