Persone per camera

 

 

Perchè prenotare su Siracusaturismo.net?

  • Miglior prezzo
  • Nessun anticipo nè commissioni
  • Transazioni sicure (SSL)
  • Sconti e convenzioni
  • Contatto diretto con il call-center
 

Turismo accessibile

 

Servizi in convenzione

 

 

 

Home | Cosa vedere | Archeologia | Scheda dettagliata

Cosa vedere

print

Priolo Gargallo

Scavi di Thapsos

Scavi archeologici, resti di una città-simbolo della preistoria siciliana.

A Nord di Siracusa, tra Priolo ed Augusta ,si protende sul mare,con un’estensione di 1,5 kmq, la penisola di Magnisi, l’antica Thapsos. Ricordata dallo storico ateniese Tucidide (V secolo a.C.),come luogo in cui gli Ateniesi si accamparono in vista dell’assedio di Siracusa e come punto di sosta, ai tempi della colonizzazione (VIII sec.a.C.), dei fondatori della futura Megara Hyblaea, deve la sua importanza alle ricerche archeologiche che, dalla fine dell’800, portarono alla scoperta di un’importante insediamento  preistorico.

L’abitato, indagato a partire degli anni ’60 del secolo scorso, si estendeva immediatamente al di là dell’istmo. Gli scavi hanno portato alla luce una vasto insediamento  che rimase  ininterrottamente in vita dal XV al IX secolo a.C.; esso era composto dapprima da capanne circolari con elevato in legno, distribuite senza un apparente criterio organizzativo; successivamente, le capanne furono sostituite  da edifici a pianta rettangolare, forniti di cortile interno e collegati tra loro da una strada; e, infine, da grandi edifici a pianta absidata.

Le necropoli sono dislocate sia lungo il litorale settentrionale che in gruppi nella parte interna centro settentrionale della penisola. Le tombe sono del tipo a forno, scavate nel piano roccioso, con accesso frontale tramite un breve dromos (corridoio) o verticale a pozzetto. Talora le camere a pianta circolare presentavano le pareti scandite da nicchie.  Contenevano numerose sepolture, essendo tombe familiari, accompagnate da ricchi corredi, ora esposti al Museo Archeologico Regionale “Paolo Orsi” di Siracusa. E’ stato rinvenuto anche un tratto di necropoli ad enchytrismos (inumazioni entro grandi contenitori in terracotta). I corredi abbondavano di  vasi sia di produzione locale, che di importazione dalla Grecia micenea,  da Cipro e Malta, che attestano un flusso importante di commercio e di contatti transmarini. Frequenti anche  gli oggetti di prestigio che riflettono, per la loro preziosità, la ricchezza degli antichi abitanti di Thapsos: armi e oggetti in bronzo, ambra di produzione baltica, collane in pasta vitrea e pendagli in oro. Grazie a queste importazioni è stato possibile datare l’insediamento al Bronzo medio (XV-XIII sec. a.C.).  

Sulla sommità del pianoro, una tozza torre circolare fu eretta dagli Inglesi intorno al 1806 per proteggere da sud l'accesso alla baia di Augusta da eventuali attacchi della squadra napoleonica. 


I testi di questa scheda sono stati validati dalla Soprintendenza ai Beni Culturali di Siracusa

Indirizzo: Penisola Magnisi 96010 Priolo Gargallo (SR)
Coordinate: N 37.150000 - E 15.233333

 

Chiedi maggiori informazioni su: Scavi di Thapsos
 

Cosa altro vedere a Priolo Gargallo
 

  
  
 

Eventi | Noto

Dal 14/08/2014 al 09/08/2014

Orchestra filarmonica siciliana "Franco Ferrara"

Spettacolo di musica classica

 

Siracusa Turismo App

Porta Siracusa sempre con te nel tuo smartphone